alpe della luna

Riserva naturale Gola del Furlo

La Riserva naturale statale del Furlo è un'area di 3.600 ettari di grande ricchezza naturalistica. Il fiume Candigliano ha inciso l'anticlinale separando le due cime del Monte Pietralata (889 m) e del Monte Paganuccio (976). L'intera area risulta geologicamente molto interessante. Infatti inoltrandoci nella gola e poi salendo sul Monte Pietralata possiamo ammirare i vari substrati rocciosi che vanno dal Calcare Massiccio alle formazioni soprastanti come la corniola, il Rosso Ammonitici, i Calcari Nodulari, la Maiolica e la Scaglia. Da un punto vista floristico-vegetazionale i monti del Furlo, data la loro particolarità geomorfologica, ospitano una flora estremamente diversificata. Anche la fauna risulta essere molto ricca di specie animali, ma è sicuramente l'Aquila reale, che con la coppia che nidifica sulle pareti del Monte Paganuccio e frequenta i prati sommitali, rappresenta il simbolo della Riserva Naturale del Furlo.

Le escursioni

Vista la varietà naturalistica dell'intera area potremo organizzare delle escursioni molto diversificate.

Itinerario 1

Monte Paganuccio
Seguendo i sentieri 146-147-148-149-150 potremo osservare diverse aree di interesse floristico-vegetazionale e faunistico come la lecceta, la faggeta, l'orno ostrieto, i prati sommitali nonché il Quercione di Cà Bargello censita come pianta monumentale di età compresa fra i 300 e i 400 anni.

Itinerario 2

Monte Pietralata
Sul Monte Pietralata percorrendo i sentieri 153-154-155-156 potremo camminare attraverso la lecceta, il bosco di conifere e le praterie sommitali. Interessante l'osservazione della stratificazione della montagna che ci mostra i vari periodi geologici.

Calendario escursioni

Non sono programmate escursioni in questo periodo

Falcon Hotel
Sant'Agata Feltria (Rn)

Hotel immerso negli Appennini, a pochi km dalle princiapli escursioni