alpe della luna

La corsa

Negli ultimi anni la corsa in ambiente naturale ha preso prepotentemente piede nel mondo sportivo. I motivi sono molteplici: dalla ricerca di un ambiente più salubre rispetto alla città, al maggiore appagamento psicologico, alla maggiore completezza del gesto sportivo ecc.
Ognuno in base alla propria preparazione atletica ed alle proprie passione può scegliere che tipo di corsa affrontare e su quali sentieri. La mia classificazione tecnica di corsa in montagna è:

Trail running (corsa in sentiero)
Mountain Running (corsa in montagna)
Sky Running
Snowshoes running (corsa con le racchette da neve)

Trail running (corsa in sentiero)

Il trail running è un tipo di corsa che si pratica in ambiente naturale al di fuori delle normali strade asfaltate e può essere praticata anche in sentieri pianeggianti. Rispetto alla corsa su strada il trail running ha dei benefici notevoli: da un punto di vista psicologico risulta maggiormente appagante in quanto si pratica in un ambiente vario e stimolante essendo caratterizzato nella maggior parte dei casi da percorsi misti di salita, pianura e discesa si verifica una maggiore e più completa sollecitazione dell'apparato cardio-circolatorio e muscolare le variabilità del terreno (sassoso, erboso, sterrato, bagnato, asciutto) richiede una tecnica di corsa più complessa e quindi vengono allenate maggiormente le capacità coordinative una minore durezza del terreno sterrato rispetto all'asfalto riduce le sollecitazioni articolari di caviglie, ginocchia, anche e colonna vertebrale ritrovare il contatto uomo-natura-fatica

DOVE PRATICARE
Nell'Alto Montefeltro c'è una rete sentieristica collinare che si presta in maniera ottimale alla pratica del trai running. I migliori percorsi, che non presentano particolari dislivelli e difficoltà tecniche, sono:
- i sentieri sui prati sommitali del Monte Carpegna
- i sentieri attorno al Sasso Simone e Simoncello
- i sentieri del Monte Montone di Villagrande

Mountain Running (corsa in montagna)

Il Mountain Running o corsa in montagna si differenzia dal trail running per i maggiori dislivelli che bisogna affrontare. E' una corsa che si svolge sempre su sentieri ma in ambiente montagnoso e quindi è necessario affrontare salite e discese anche di notevole impegno altimetrico e tecnico senza che sia necessario correre a quote molto elevate come nel caso dello sky running.

DOVE PRATICARE
Nella provincia di Pesaro-Urbino ci sono montagne particolarmente adatte alla pratica del Mountain Running in particolare:
- Il Monte Carpegna con dislivelli di corsa di circa +900 m
- Il Sasso Simone e Simoncello con partenza da Pennabilli con dislivello +700 m
- Il Monte Nerone con dislivello di +1200 m
- Il Monte Catria con dislivello di +1200 m

Sky Running

Lo skyrunning dal 1995 è regolamentato dalla Federazione Sport Alta Quota (FSA). Oggi è stata costiuita la Federazione Internazionale Sky Running. La Federazione propone, annualmente, un calendario gare composto di una serie di prove che vanno a costituire il Campionato Italiano Skyrunning e lo Skyrunning World Series. Le altre prove del calendario riguardano gare di Vertical Kilometer, Skymarathon e skyrace classiche e alcuni Eventi Speciali.
Skyrunning è una parola inglese che significa "corsa del cielo". La filosofia del sky running è quella di salire una o più cima di montagna e poi ridiscendere nel più breve tempo possibile e quindi di corsa o in cammino veloce. Come disciplina sportiva,  lo skyrunning si può inserire nella famiglia dei trail, dal quale differisce per la maggiore difficoltà tecnica dei percorsi la cui difficoltà alpinistica però non supera il secondo grado di difficoltà e per l'alta quota. Infatti si salgono montagne attraverso creste affilate, nevai, ferrate, tracce di sentiero , a quote comprese tra i 2.000 e i 4.000 metri.

DOVE PRATICARE
Per praticare il vero skyrunning nella Regione Marche, quindi fare corse anche oltre i 2000 m di quota, è necessario spostarsi sui Monti Sibillini. I percorsi più spettacolari ma anche impegnativi sono quelli che ci portano sul Monte Vettore, la Cima del Redentore, e al Lago di Pilato. Nel luglio del 2009 la sky race dei Monti Sibillini con si suoi 55 Km e oltre +/- 8000 m di dislivello è stata inserita nel calendario del Campionato Italiano Sky Running.

Snowshoes running
(corsa con le racchette da neve)

Per provare il piacere di correre con le racchette da neve è necessario avere un ottimo allenamento. Su neve fresca, la forza richiesta per potersi spostare velocemente è notevole e richiede intensi e ripetuti allenamenti specifici. In neve battuta le difficoltà diminuiscono rendendo accessibile questo tipo di corsa anche al corridore classico.
Particolarmente adrenaliniche, ma tecnicamente molto difficili, sono le discese veloci su pendii estremamente difficili e in mezzo al bosco. Senza racchette da neve risulterebbe impossibile sviluppare tali velocità in percorsi così difficili!!

DOVE PRATICARE
- Circuiti ad anello sui prati sommitali del Carpegna dove i dislivelli sono minimi ed i panorami bellissimi
- Salite al Monte Carpegna in zone aperte oppure in mezzo al bosco
- Discese dal Monte Carpegna in mezzo a faggete, boschi misti e forre
- Tutti i sentieri del Sasso Simone e Simoncello si prestano alla corsa con le "ciaspole"

Calendario escursioni

Non sono programmate escursioni in questo periodo

Falcon Hotel
Sant'Agata Feltria (Rn)

Hotel immerso negli Appennini, a pochi km dalle princiapli escursioni