escursioni nell' appennino

Le buone abitudini dell'escursionista

Il riposo

Partire riposati fisicamente prima di ogni escursione o attività sportiva è un fattore determinante. La stanchezza derivante da una serata dove si è andati a dormire tardi o si è mangiato e bevuto troppo provoca una diminuzione:
- della resistenza alla fatica
- del grado di concentrazione e di coordinazione
- della capacità di resistere al freddo o a condizioni climatiche sfavorevoli
- delle capacità sensoriali come osservare ed ascoltare

L'alimentazione

L'alimentazione è un fattore determinante in qualsiasi attività fisica. L'alimentazione dell'escursionista dovrà apportare le giuste quantità di carboidrati, proteine e grassi. Per garantire l'apporto energetico necessario allo sforzo muscolare è importante mantenere costante l'apporto di carboidrati e di acqua , incominciandone l'assunzione già due ore prima dall'inizio dell'escursione.
I carboidrati costituiscono il principale elemento nutritivo che fornische energia. Sono contenuti nei cereali , nella pasta , nel riso , nel pane , nelle barrette a base di cereali , nella frutta fresca o secca, nella marmellata , nel cioccolato e nelle bevande sportive.
Le proteine sono fondamentali per l'organismo e il fabbisogno giornaliero è quasi costante . Gli alimenti ad alto contenuto proteico sono i formaggi , il burro di arachidi , le noci , la carne essiccata , la carne e il pesce in scatola , i fagioli , il latte in polvere e uova.
I grassi sono anch'essi una fonte energetica molto importante soprattutto nell'attività fisica di lunga durata e bassa intensità. Normalmente i grassi depositati nell'organismo sono sufficienti a fornire energia durante l'attività. Fra gli alimenti ad alto contenuto di grassi troviamo il burro , la margarina , l'olio , il formaggio.
Nel giorno che precede l'escursione:
- colazione e pranzo ricchi di carboidrati
- cena moderata con apporto bilanciato di carboidrati, proteine e grassi
Giorno dell'escursione:
- appena svegliati colazione abbondante a base di carboidrati
- portare cibi poco ingombranti ed energetici come panini, barrette energetiche, dolci e frutta
- mangiare poco e spesso durante l'escursione per non avere cali di rendimento
- la cena al termine dell'escursione dovrà essere abbondante per reintegrare le energie spese durante la giornata

L'idratazione

Durante l'attività fisica, soprattutto in montagna, è molto facile disidratarsi senza accorgersene. La regola principale è quella di BERE PRIMA ANCORA DI AVERE SETE.
La comparsa della sete è il segnale che il nostro corpo è disidratato e questo non ci permette di avere un rendimento fisico ottimale. Le regole da seguire per non incorrere nella disidratazione sono:
- portare sempre una borraccia
- tenerla la borraccia nello zaino a portata di mano in una parte facilmente raggiungibile dello zaino
- bere piccole quantità di acqua frequentemente
- informarsi sempre in anticipo se il percorso permette l'approvvigionamento di acqua
- in escursioni lunghe le bevande preparate con bustine di sali e zuccheri possono essere molto utili
- il fabbisogno medio di una persona per un giorno di escursione può anche essere superiore ai 2 litri d'acqua e non sempre quella che si trova sul percorso è incontaminata e quindi potrebbe essere utile utilizzare sistemi di potobilizzazione come l'ebollizione o il trattamento chimico con pastiglie apposite.

Calendario escursioni

Non sono programmate escursioni in questo periodo

Falcon Hotel
Sant'Agata Feltria (Rn)

Hotel immerso negli Appennini, a pochi km dalle princiapli escursioni